tradire-fare2.jpg

Tradire e fare... quando chi è fedele simula il tradimento

10/09/2015, 16:30

L’infedeltà come vanto anche per chi non ha il coraggio di tra(sgre)dire

Tradire è sempre più non solo un comportamento socialmente accettato, ma anche a tutti gli effetti desiderabile ed emulato anche da parte di chi non ha mai davvero tradito...

Attraverso un’indagine realizzata su un campione di 1000 tra uomini e donne promossa dal sito Incontri-ExtraConiugali.com, il portale dedicato a chi cerca un'avventura al di fuori del matrimonio o della coppia, emerge come ben il 61% dei “fedeli pentiti” nella propria vita abbia inventato almeno un finto tradimento, contro solo un 39% di fedeli convinti. 

Le motivazioni di queste finte infedeltà non lasciano adito a dubbi riguardo la desiderabilità sociale del tradimento: il dato che balza agli occhi è sicuramente quello di coloro che inventano di aver tradito per pura vanità nei confronti degli altri, che rappresentano il 44% degli “infedeli di facciata”. L’obiettivo di questa categoria di finti fedifraghi è quello di costruire un’immagine di sé più trasgressiva rispetto al vero, al fine di guadagnare l’altrui ammirazione e stima per la propria vita sessuale, ingigantita dai finti tradimenti. 

Il 32% dei sedicenti traditori, al contrario, concepisce storie fedifraghe, completamente inventate ma al tempo stesso perfettamente realistiche, non tanto per essere ammirato da amici e conoscenti, quanto per accrescere la propria autostima innescando un meccanismo di autorealizzazione al solo fine di sentirsi più sicuri e fiduciosi in se stessi. 

Il 24% inscena un falso tradimento al fine di ingelosire il partner che lo trascura, ravvivandone in tal modo interesse e desiderio al solo fine di riguadagnare un’affinità di coppia ormai perduta, e confermando, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la funzione rigenerante dell’infedeltà nei confronti del rapporto ufficiale. 

Tradire è quindi non solo un fenomeno in netta espansione, ma anche sempre più correlato a un’opinione di sé più trasgressiva e coraggiosa, il che porta sempre più fedeli a vantarsi di esperienze e conquiste extraconiugali mai avvenute. A sostenerlo è anche Alex Fantini, fondatore del sito Incontri-Extraconiugali.com: “L’infedeltà, o nel nostro caso l’invenzione del tradimento, sono una scelta di vita, atteggiamenti che possono far sì che istinti primordiali e curiosità vengano appagati in maniera soddisfacente. Chi inventa un tradimento è in cerca del brivido che solo una storia trasgressiva e fantasiosa può regalare”. 

Essere infedeli è uno stile attuale e di tendenza, tradire o voler tradire ideando storie piccanti è il chiaro segnale che la maggior parte delle persone vorrebbe lasciarsi andare superando le proprie inibizioni. “Non tutti però hanno il coraggio di vivere appieno la vita e di evadere dalle gabbie psicologiche che noi stessi e la società che ci circonda abbiamo costruito”, ribadisce Fantini. “Passare dalla potenza all’atto è l’unico modo per una costruzione del sé che sia pienamente soddisfacente e non fasulla, caso, quest’ultimo, che può rappresentare un’arma a doppio taglio nel tentativo di raggiungere lo status symbol desiderato”.

Redazione

CREA IL TUO PROFILO ANONIMO

facile
discreto
sicuro