Blog
Adulterio, infedeltà, avventure

scappatelle-extraconiugali.jpg

Scappatelle extraconiugali seriali

18/03/2014, 16:37

La mia esperienza di tradimento non è di innamoramento perso per una donna diversa da mia moglie. Ho amici che vivono delle vere e proprie storie parallele, due mondi separati l’uno dall’altro. Prendono una sbandata e portano avanti un’altra storia a sé stante. Per me non è così. Io trovo il mio equilibrio in scappatelle extraconiugali con donne diverse di volta in volta.

Nella vita mi occupo di relazioni con il pubblico, quindi faccio un lavoro che mi dà la possibilità di conoscere e rapportarmi con tante persone. Frequento regolarmente il mio bar di fiducia con i miei amici ed è un’altra occasione di vedere gente. Con mia moglie non usciamo a fare un giro da anni ormai, ed è forse questa una delle cause dell’aumento di peso che l’ha vista raddoppiare negli anni. Lei si occupa solo ed esclusivamente della casa, dei figli e dei nipoti. Io voglio molto bene a tutti loro ma non per questo mi annullo. Sento l’esigenza di tenermi vivo e le scappatelle extraconiugali mi fanno sentire quel brivido che mi riempie di energia. A mia moglie cerco di non far mancare niente, la accompagno a fare la spesa, mi occupo di tutte le faccende domestiche “da uomo” e lei è contenta. Però io sono diverso da lei, devo godere della vita a 360 gradi. Le donne con cui vivo le mie scappatelle extraconiugali me le scelgo, devono piacermi. È ovviamente una questione estetica ma non conta solo questo, come molti potrebbero pensare. Devo trovare un feeling con lei, e quando questo svanisce mi fermo. Le mie scappatelle extraconiugali durano al massimo un mesetto. Comincio a pensare che mia moglie si sia accorta di qualcosa, o quantomeno sospetti. Ma io in fondo penso che lei stia bene così e si renda conto che fa star bene anche me, per questo non mi ha mai detto niente finora.

Redazione

CREA IL TUO PROFILO ANONIMO

facile
discreto
sicuro