Blog
Adulterio, infedeltà, avventure

decalogo-del-tradimento.jpg

Dal decalogo del tradimento

03/12/2013, 11:17

Che lo si voglia ammettere o no, il tradimento esiste ed è anche largamente diffuso in qualsiasi parte del mondo. Ci sono uomini e donne che non riescono a resistere al fascino della scappatella e altrettanti che, se ne hanno l’occasione, non si tirano di certo indietro. Studi condotti in America hanno confermato questa diffusa tendenza, tanto da stilare una vera e propria classifica, “The Normal Bar” in cui vengono elencate le principali motivazioni che spingono a concedersi anche quando si è ufficialmente occupati.

C’è chi lo fa perché in qualche modo ha avuto occasione di incontrare una ex fiamma e rendersi conto che la fiamma non era del tutto spenta: nonostante gli uomini siano più propensi a questa forma di tradimento, le donne non si lasciano di sicuro sfuggire l’occasione di rivivere vecchie emozioni.

C’è poi chi tradisce nel posto di lavoro: noia, divertimento, curiosità, sono tutte leve che spingono uomini e donne a provare il brivido del rapporto extraconiugale tra una scrivania ed una fotocopiatrice. Un diversivo perfetto al quale sempre più persone non riescono a rinunciare.

Una delle cause più comuni di tradimento è l’insoddisfazione sotto le coperte. In molti affermano che il sesso con il proprio partner non sempre riesce a dare forti emozioni e l’amante è la giusta soluzione. Uomini e donne che siano non c’è differenza: tutti cercano il piacere e se tra le mura domestiche ciò non avviene, via a cercarlo altrove.

Infine c’è chi tradisce con il miglior amico del proprio partner nonostante difficilmente lo si ammette. In questi casi la passione è più forte di tutto e tutti. Non importano i rapporti che si instaurano, la cosa fondamentale è dare sfogo solo alle più grandi passioni!

Redazione

CREA IL TUO PROFILO ANONIMO

facile
discreto
sicuro